Lunedì 18 Dicembre 2017
itenfrdeptrues

 

LA PAGINA DI BO B
screenshot.13676
 
(I1BAW)
 

 

WANTED AGAIN :

WANTED by i1baw – Bob J., call to my mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

-.-. --.-

Il J 38 in questa versione             In una delle varie versioni del J 43

screenshot.10377    screenshot.10378                                     

Oppure versione militare verde scura ….

 screenshot.10379

Cerco Collins Type 76-f1 Amplified Speaker For 618t-3, Mrc-108

screenshot.12119    screenshot.12120

screenshot.12121     screenshot.12122

tnx, ’73 bob

firma digitale ….

screenshot.10380

 

NOTEGROSSENOTEGROSSE NOTEGROSSENOTEGROSSE
 
 
 
CONSIDERAZIONI SULLE EMISSIONI IN SSB
 

CLICCA SUL TRIANGOLINO NERO PER SCORRERE LE FOTO

FRECCIA IN ALTO A DESTRA PER INGRANDIRE LA FOTO

ozio_gallery_jgallery
Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura

     “ … Per fatto personale  …
     Novembre, a.d. 2015
Presumo che chi mi legge non mi conosca, e non sappia, quindi, quale credito accordarmi. Reputo, perciò, necessario informarlo direttamente: una  prefazione  firmata da una terza  persona potrebbe assumere l’aria di una comoda scappatoia.   Ora desidero lasciare in alcune pagine alcune mie osservazioni, affinché rimangano a disposizione di chi vorrà leggermi, anche perché con la eventuale e più tarda dipartita, tutto quanto inserito nel mio archivio che è il cervello, andrà inesorabilmente ridotto in cenere  e  quindi distrutto.   Di questo dovevo informare i lettori per obbligo di onestà. L’ho fatto. E siccome quanto detto non implica conclusioni faccio punto e mi affido ora al testo .
Queste “mémoires” furono scritte a pezzi e bocconi nei vari lassi di tempo, talvolta in fretta, talvolta  con rilassatezza.   Non sono legate a nessuna fede, non sostengono nessuna causa, non obbediscono ad alcun disegno, non sono nemmeno complete, per questo riguardo mi scuso con amici e nemici, che avrei dovuto mentovare.                                                                                                                                                    
 Per quel che mi spetta, dicono cose che credo vere, ma non tutte le cose vere si possono dire; se ho sbagliato, se mai ho taciuto la colpa non è malizia ma della memoria.
Le letture. Erano passati due anni dal termine della scuola elementare, quando il caso volle che incontrassi il mio maestro ad un banco di frutta del mercato, gestito da una bellissima donna bionda, si chiamava Cesira, ed io stavo terminando i tre anni delle medie inferiori presso le scuole cristiane dei teologi giuseppini (*) che erano situate accanto.   “Buon giorno signor maestro” gli dissi, “la scuola ci divide ma il banco della signora ci riunisce”. Di sotto i suoi occhiali mi rispose come suo solito sorriso buono, e son certo che deve aver pensato di me che ero un “discolo” probabilmente ignorante, ma dopo tutto non un cattivo ragazzo.                                        
(*) quella scuola di teologi che qualche secolo prima, alle loro origini, aveano “educato” Erasmo da Rotteram, Thomas Moore, ed altri ..
Delle diversità .  “ Coloro che considerano tutti  gli uomini uguali, mostrano di intendersene pochino.   Più si conosce il tè, il caffè il vino, o i cani o i gatti sino alle pecore, più ci si accorge delle loro differenze di razza, origine, tipo, apprendimento e nascono classifiche sempre più sottili e delicate  di quelle differenze. Quanto più una specie  o razza si fa numerosa ed acquisisce importanza, altrettanto le diversità si moltiplicano per far fronte alle diversità ambientali e l’intelligenza si acuisce nella loro  distinzione.              
Appena l’uomo si sente differente da altri, se proprio non è al più basso  livello d’intelligenza, fa uno stile della propria differenza “ .
“ Mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa " : quando sento  ripetere che la libertà va conquistata giorno per giorno, osservo che prima  di tutto va conquistata contro noi stessi e l'impeto che ci fa ritenere  di poter agire come Torquemada o Calvino.
Il mio nome sta dopo il mio nominativo, sono nato in un paese dell’alessandrino con il quale divido la parte di provenienza genovese.                                                                                                                                                                                         Mi sono interessato alla radio quando portavo ancora i pantaloni corti, avevo 12 anni ed la mia prima costruzione fu una radio ricetrasmittente in 40 mt. con due valvole 6AQ5 : in ricezione  era un circuito superreattivo, e la trasmissione era in modulazione d’ampiezza con microfono a carbone, preso in  prestito d’uso dal telefono di casa, l’antenna era una presa calcolata.                                                                                                                                                                                          Poi le radio sono state una delle mie passioni , assieme alle auto del mio periodo: ricordo la mia Fulvia coupè HF 1600 Montecarlo, le gare sportive di tiro a segno con pistola e carabina, e la mia passione per il volo che ora unisco con mio figlio assieme alle radio.                                                                                                                                                                              Le mie passate primavere e  la raggiunta disponibilità temporale della quiescenza, mi permettono di dedicarmi : ai fiori, in particolare  per le rose, osservare la vita dei volatili in particolare dell'eleganza e della velocità nel movimento delle gazze, dei piccoli volatili e la maestosità del portamento del gufo.
Poi anche a dedicarmi ai felini, osservandone il comportamento: ai miei amici felini Denny, Napoleone, Cesare …che sono tornati da dove sono venuti,  a Serse che con pazienza mi tiene compagnia in questo arco di vita.
                        "Il più piccolo dei felini, il gatto, è un capolavoro."        Leonardo da Vinci
                                " Esistono due stradesoltanto soltanto                                                                                                                                                                                             per  sfuggire alla miseria umana :
                        suonare l'organo e giocare con i gatti"                               Konrad Lorenz
                        "Un gatto va amato alle sue condizioni"                                 Peter Gray
                             "I cani corrono quando vengono chiamati.
                        I gatti ricevono il messaggio e lo rimandano indietro"                 M. Bly
                        "D'accordo, i gatti tiranneggiano, strumentalizzano,
                        condizionano i loro padroni, ma in cambio offrono
                               impagabili lezioni di saggezza"                                                 J. Bachstein
                               "Ho studiato molti filosofi e molti gatti:
                        la saggezza dei gatti è infinitamente superiore"            Hippolyte Taine
Volpe delle volpi – Una vera volpe non chiama acerba solo l’uva che non può raggiungere, ma anche quella che ha raggiunto portandola via agli altri.
Nietzsche – Umano, troppo umano – Il viandante e la sua ombra
Poi a dedicarmi allo studio della filosofia, della storia, e di alcuni grandi Italiani ;
indi dedico a:
                     " Così chi corre dietro al piacere dimentica
                                 tutto il resto è più di tutto trascura
                        la propria libertà, mettendola al servizio della gola;
                            si vende così ai piaceri, invece di comprarli "                                  Seneca
Il genio italiano è nei suoi campioni più alti sintetico. Geni quali Dante, Machiavelli, Vico respingono l’episodico, l’ornamentale, la divagazione e l’esitazione, l’accidentale e il molteplice, il confuso e l’oscuro, l’enigmatico e il problematico, e sono parsimoniosi epiteti: la loro opera intera dipende da una convinzione suprema.
                        "Così fa chi apre la bocca a dire il suo segreto,
                               che si fa preda dello indiscreto uditore" .                 Leonardo da Vinci
Facezia.  Usano i frati minori, a certi tempi, alcune loro quaresime, nelle quali essi non mangiano carne né lor conventi,; ma in viaggio, perché essi vivono di limosine, hanno licenzia di mangiare  ciò che è posto loro innanzi.  Onde, abbattendosi in detti viaggi una coppia d'essi frati a un'osteria  in compagnia di certo mercantuolo, il quale, essendo a una medesima mensa, alla quale non fu portato, per la povertà dell'osteria, che un pollastro cotto, onde  esso mercantuolo, vedendo questo essere  poco per lui, si volse a essi frati e disse" Se io ben ricordo, voi non mangiate  in tali dì ne vostri conventi d'alcuna maniera di carne".
Alle quali parole i frati furono costretti, per la loro regola, a dire ciò essere la verità: onde il mercantetto ebbe il suo desiderio e si mangiò essa pollastra.
Ripartiti i commensari tutti e tre di compagnia e dopo alquanto viaggio dovendo un fiume attraversare , fu necessario, per l'uso della compagnia, che uno dei frati si caricò di tale omo. Trovandosi esso frate in mezzo al fiume, esso ancora si ricordò de la sua regola, e fermatosi, alzò la testa inverso quello che l'aggrava e disse : "... dimmi un poco  hai tu nessun denari addosso? " " Ben sai ", rispose questo " come credere vuoi che la mia pari mercatante andassi ? " Ohimè ! " disse il frate , " la nostra regola vieta che noi possiamo portare denari addosso ! " ,  E subito lo gettò nell'acqua. La qual cosa, conosciuta dal mercatante facetamente la già fatta ingiuria essere vendicata, con piacevole riso la vendetta sopportò.                                                                                                                                             Leonardo da Vinci 
" Cola di Rienzo tentò di liberare Roma dal potere temporale della Chiesa e finì impiccato a Castel Sant'Angelo.....
“ Frà Arnaldo da Brescia evidenziava la corruzione della Chiesa e finì condannato a morte dall'Imperatore .....
“ Luigi Pulci  rimase a lungo l'unico poeta volgare di spicco nella cerchia medicea.
Proprio su invito di Lucrezia, nel 1461 il Pulci iniziò il Morgante, un poema cavalleresco vivacissimo con inserti paradossali ed ironici. Già letto e recitato nella cerchia medicea nel 1468, il capolavoro letterario fu dato alle stampe parzialmente e cantare nel 1478,  poi portato a compimento e pubblicato per intero nel 1483.
Il Pulci dovette cercare altrove protezione e passò al servizio di Roberto da Sanseverino, capitano di ventura conosciuto nel 1473 e impegnato con il governo fiorentino. Da allora il letterato dovette più volte lasciare Firenze e le tenute nel Mugello per assolvere a incarichi in varie località.
Morì in occasione di un viaggio a Padova, dove fu sepolto in territorio sconsacrato perché accusato di eresia.
Il Morgante, già molto divulgato e conosciuto, fu oggetto delle censure di Girolamo Savonarola che ne bruciò vari esemplari nei "roghi delle vanità" alla fine del secolo.
" ... Non temete di nuotare contro il torrente,
      è delle  anime sordite pensare come il volgo,
      sol perchè il volgo è maggioranza ..."
e rivolto ai suoi inquisitori, il braccio secolare della Chiesa...
".... Avete più paura Voi per la condanna emessa
       che io di morire ... "                                                                    Giordano Bruno
... A chi gli chiedeva che Italia intendeva...
scrisse con il dito intinto nel bicchiere di vino :
      " ... unita, armata, spretata ..."                                  Niccolò Machiavelli
“ Per me si va nella città dolente,
per me si va ne l'eterno dolore,
per me si va tra la perduta gente.
Giustizia mosse il mio alto Fattore;
fecemi la divina Potestate,
la somma Sapïenza e il primo Amore.
Dinnanzi a me non fur cose create
se non eterne, ed io eterno duro.
Lasciate ogni speranza, voi che entrate.                    ( Inferno canto III )
Amor, che a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer, sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona.
Amor condusse noi ad una morte.
Caina attende chi vita ci spense".
Queste parole da lor ci fur porte.                              ( Inferno canto V )     (Edizione del 1869, commenti di Niccolò Tommaseo )         Dante Alighieri       
L’ India sotto il tallone inglese...
Vengono qualificate barbare le tribù che lanciano agli invasori
delle frecce avvelenate o li scotennano;
ma è con proiettili dum-dum,
con l’oppio,
con le menzogne,
con funzionari bacati e brutali
che ci stabiliamo in casa loro                              Principe Alberto I° di Monaco
“... Basterebbe riflettere sul supplizio della regina Anna Bolena,
della regina Caterina Howard, della regina Jane Grey,
del re Carlo I per giustificare colui il quale ha detto che
la Storia  d’Inghilterra dovrebbe scriverla il boia.....                      Voltaire
" ... l'Italia è finita : ecco quel che resta..."                           Giuseppe Prezzolini
Una volta gli animali di una certa specie si chiamavano camaleonti,ora si chiamano uomini politici; con una differenza però : il camaleonte cambia di colore per causa accidentale, l'ambiente glielo impone. L'uomo politico cambia di colore  per ragione di interesse; è lui che si adatta al colore dell'ambiente.                                                               Alberto Giannini
 “ Tout ce que l’homme a fait, et qui l’a fait homme, eut pour premiére fin et pour  condition premiére, l’idèe et l’acte de constituer des reserves ….”
“ Tutto ciò che l'uomo ha fatto, e che fatto uomo, ha avuto la prima finale e prima condizione, l'idea e l'atto di costituzione di riserve … “                                                Paul Valèry
“ ..Tutte le raffinatezze della politica tendono ad una sola mèta: non essere ingannati ed ingannare gli altri “                                                                                       La Bruyere 
Soltanto i paracarri stanno fermi, le bandiere, si sa, volgono al vento.
E se fosse un ragionamento? Quando un peccatore vuole espiare, cattolicamente, piglia il saio e cerca il luogo di purgazione o si macera in un rigido ascetismo, non si limita a chiedere ospitalità nei conventi.   Le conversioni in senso vantaggioso sono sospettabili, salvo il caso in cui il convertito, riconoscendo di essersi sbagliato una volta  e quindi di potersi sbagliare  anche ora, si chiudesse per il resto della vita nel silenzio.
La morale è dunque come la storia: dice sempre di sì .
Né la conversione rapida “ in limite litis”  né  i versetti biblici sul sesso degli angeli         segnano l’inizio del lungo nuovo cammino quando la nave sta per affondare i topi scappano dalla stiva.                                                        
" Quid sunt magna imperia, detracta justitia, nisi magna latrocinia? " questo scriveva sant'Agostino nella sua " De civitate deis " . Indi,  " Se togliete la giustizia, cos'altro sono i grandi Stati, se non delle associazioni di ladri ?"  Il santo continua : " E cosa formano questi ladri, se non dei piccoli regni, retti dal comando di un capo, retti da una costituzione e si dividono le prede secondo un accordo legale.  Se una di queste bande funeste si accresce con altri briganti fino ad occupare una regione, ecco che si arroga il nome di Stato, che le viene conferito non già dalla rinunzia alla cupidigia, ma dalla sicurezza della impunità .
Sant'Agostino trovò un termine magnifico per riassumere tutte le passioni politiche : le nominò libido dominandi, la libidine del potere, avvicinando così la politica al desiderio sessuale.
                                                                        Giuseppe Prezzolini - "Cristo e/o Machiavelli"
Dal "Moniteur" del 1815 di fronte alla fuga di Napoleone dall'Elba, il giornale parigino ne accompagnò il ritorno in Francia con questi titoli impareggiabili:
9 marzo : " .. il mostro è evaso dal luogo del suo esilio".
10 marzo : " ..l'orco còrso è approdato a Capo Juan ".
11 marzo :  " .. la tigre  ha fatto la sua apparizione a Cap. Le truppe avanzano da tutti i lati per arrestare la sua avanzata. Egli finirà la sua miserabile avventura da fuggitivo nelle montagne ".
12 marzo :  ".. il mostro è veramente arrivato fino a Grenoble ".
13 marzo :  " .. il tiranno è ora a Lione; il terrore  ha preso tutti alla sua apparizione ..".
18 marzo :  " .. Bonaparte avanza  a marce forzate, ma è impossibile  che raggiunga Parigi..".
20 marzo :  " .. Napoleone arriverà domani sotto le  mura di Parigi ..".
21 marzo : " ..L'imperatore Napoleone è a Fontainebleau ".
22 marzo : " .. ieri sera , Sua Maestà l'Imperatore  ha fatto il suo ingresso ufficiale ed è arrivato alle  Tuileries.  Niente  può superare la gioia universale..".
Nessuna differenza tra le Moniteur" ed il politico :
il primo torna supinamente dalla polvere e riconquista l’altare, il secondo ne ripudia un altro quando dall’altare rovina nella polvere .                                            Tripodi
E’ nota la formula lapidaria di Napoleone sugli emigrati di Coblenza :” non hanno capito nulla e non hanno dimenticato  niente ..”                                                                   Giuseppe Puglionisi
Frasi di Napoleone Bonaparte :
Io sono circondato da preti, ripetono incessantemente che il loro regno non è di questo mondo, e si impadroniscono di tutto ciò che è a tiro. Il Papa è il capo di questa religione celeste ma si occupa soltanto di questa terra.
È tempo che anche l'Italia vada annoverata fra le nazioni libere e potenti.
L'ignoranza dei preti è il più grande flagello del mondo.
Ogni cosa proclama l'esistenza di Dio, è vero, ma tutte le religioni sono figlie dell'uomo.
L'Inghilterra è una nazione di bottegai.
Soldats, songez que, du haut de ces pyramides, quarante siécles vous contemplent.                  Soldati, considerate che dall'alto di queste piramidi quaranta secoli vi guardano (discorso all'esercito in Egitto prima della battaglia delle Piramidi, 21 luglio 1798).
Non sono ateo, ma non posso credere in quel che mi vogliono insegnare contro la mia intelligenza, senza sentirmi falso e ipocrita.
Con le baionette puoi farci pressoché di tutto, tranne che sedersi sopra !
Dieu me l'a donnée; garde à qui y touchera!                                                                  Dio me l'ha data, guai a chi la tocca! [Riferendosi alla corona ferrea, all'incoronazione come re d'Italia nel Duomo di Milano, 26 maggio 1805.]                                                 
France, armée – téte d'armée – Josephine                                                             Francia, esercito – capo dell'esercito – Giuseppina.
5 maggio 1821 : queste le sue ultime parole prima di morire.
Nella storia d'Italia il più significativo aspetto della sistemazione politica data alla penisola da Napoleone non fu il tradimento ai danni di Venezia, ma la fondazione della Repubblica Cisalpina
Te dunque, o Bonaparte, nomerò con inaudito titolo “Liberatore di popoli ,fondatore di repubblica”. Così tu alto, solo, immortale, dominerai l'eternità, pari agli altri grandi nelle gesta e ne' meriti, ma a niuno comparabile nella intrapresa di fondare nazioni. (Ugo Foscolo).
I grandi e famosi riformatori del passato erano già in partenza dei re, come Alessandro, o dei patrizi, come Giulio Cesare; Napoleone, invece, fu il "piccolo caporale" che divenne il sovrano di tutto un continente solo in virtù del suo talento personale.
Ma egli era anche qualcosa di più. Era l'uomo civile del secolo diciottesimo, razionalista, indagatore, illuminato. Era l'uomo della Rivoluzione, e nello stesso tempo era l'uomo che aveva portato l'ordine. Fu, e non la memoria di lui, ad ispirare, anche nella sua stessa patria, le rivoluzioni del secolo diciannovesimo.
Prezzolini nel suo libro “ Il manifesto dei conservatori scrivea :
…” Il cristianesimo predica il perdono dei delitti, l’amore del nemico, la fraternità, l’eguaglianza, la pace universale, il possesso comune dei beni : questi  sono i concetti di Cristo e  con essi non si governa  uno Stato, il Machiavelli cita il motto di Cosimo de’Medici : Le città non si governano con i paternostri …”
…” La Chiesa  ha talmente influenzato l’Italia nel Sei-Settecento, e anche  nel Cinquecento. Finito il Medioevo, l’Italia diventa il Paese del godimento e della corruzione. Ed è rimasto tale. Ma una corruzione così estesa, così profonda, come quella che vi è ora, in Italia non era mai esistita. E’ diventata il paese del godimento con i preti che predicavano la rinuncia dei piaceri, in vista dell’aldilà. Ma i preti erano i primi a godersi l’aldiquà . Hai letto la descrizione della vita nei conventi, nel Seicento e nel Settecento? E la miscredenza alligna anche fra i preti di oggi. Naturalmente , ho conosciuto preti bravissimi,autentici educatori, che stavano con i ragazzi e questi gli volevano bene, perché si dedicavano interamente a loro.
Ma ho incontrato anche preti di una asinità, di una bestialità da non crederci; e perfino preti corrotti, notoriamente corrotti. Il clero francese, ad esempio, è migliore, perché ha subito il trauma della separazione della Chiesa dallo Stato. Fare il prete in Francia, significa veramente  fare il prete; molto spesso  anche soffrire la miseria. “                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        
Constatato dallo studio del passato ciascuno può ricavare argomenti a convalida delle proprie teorie, Paul Rainard disse: ” la storia è un arsenale in cui tutti i partiti trovano munizioni…     “.
Da “ Umano ,troppo umano - “Per la storia dei sentimenti morali, un libro per gli spiriti liberi, dedicato alla memoria di Voltaire .                                  
Progresso della libertà di pensiero, … non si può chiarir meglio la differenza tra il libero pensiero di ieri  e quello di oggi se non ricordando quella frase, ad ammettere ed esprimere la quale  occorse  tutta l’intrepidezza del secolo scorso che tuttavia, smisurata secondo  la mentalità di oggi, scade a una involontaria  ingenuità, voglio dire la frase di Voltaire : “ Croyaez-moi,mon ami, l’erreur aussi a son , mèrite “       
Liebnitz e Kant hanno rappresentato due grandissimi ostacoli all’onestà intellettuale dell’Europa ! Finalmente quando a cavallo fra due secoli di decadenza , apparve una ”force majeure” di genio e di volontà, forte abbastanza per fare dell’Europa un’unità politica  ed economica, i tedeschi con le loro “guerre d’indipendenza” impedirono all’Europa di comprendere il significato, il meraviglioso significato della esistenza di Napoleone.
La Germania ,dovunque arrivi, manda in rovina la cultura. Soltanto la guerra ha “redento” lo spirito della Francia. Stendhal, forse uno dei più bei casi citati, è assolutamente  impareggiabile per quel suo occhio preveggente da psicologo, quel suo modo di cogliere la realtà, che ricorda da vicino l’uomo più reale che sia mai esistito: “ ex ungue  Napoleonem”. Inoltre per la sua atea onestà, e certo questa non è la meno importante delle sue qualità, essendo una specie molto rara in Francia.  Egli mi ha rubato la migliore freddura atea: “L’unica scusa di Dio è che egli non esiste”.                                                   Friedrich Wilhelm Nietzsche                           
Non far valere il proprio diritto : esercitare il potere costa fatica e richiede coraggio. Per questo tante persone non fanno valere il loro buon diritto, perché  tale diritto è una specie di potere, ma esse sono troppo pigre o troppo vili per esercitarlo. Tolleranza e Pazienza si chiamano le virtù di cui questi difetti si ammantano.
    Nietzsche – Umano, troppo umano – Il viandante e la sua ombra
La vendetta più tremenda - Se ci si vuole vendicare di un avversario,bisogna attendere sinché non si abbia  tutta una mano piena di verità e di giustizie da poter giocare contro di lui, a sangue freddo : sicché  esercitare  la vendetta viene a coincidere  con l’esercitare la giustizia. E’ la più terribile specie di vendetta : essa infatti sopra di sé non ha  istanze alla quali potersi appellare. Così Voltaire si vendicò di Piron, in cinque righe che fanno giustizia di tutta la sua vita, la sua opera, la sua volontà : tante parole, tante verità; è così che si vendicò di Federico il Grande ( in una lettera che gli spedì da Ferney).
            Nietzsche – Umano, troppo umano – Il viandante e la sua ombra 
Sancta simplicitas della virtù – Ogni virtù ha i suoi privilegi : ad esempio questo, far portare al rogo del condannato il proprio fascetto di legna.
           Nietzsche – Umano, troppo umano – Per la storia dei sentimenti morali
Il vecchio e la morte – A parte ciò che la religione esige, ci si può ben chiedere : perché per un uomo invecchiato, che si sente venir meno le forze, dovrebbe esser più lodevole attendere di esaurirsi e di dissolversi lentamente anziché por fine, in piena consapevolezza,a questo processo, in questo caso il suicidio è un atto perfettamente ovvio e naturale, che dovrebbe suscitare il dovuto rispetto, in quanto vittoria della ragione : e lo ha anche suscitato, nei tempi in cui i capi della filosofia greca e i più ardenti patrioti romani solevano morire suicidi. Il desiderio invece di prolungare giorno per giorno la propria esistenza, consultando angosciosamente i medici e conducendo una vita penosissima, l’ansia di giungere, senza forza, ancor più vicini al termine vero e proprio della vita, è molto meno rispettabile. Di fronte  alla sfida del suicidio le religioni offrono una quantità di scappatoie: per questo ottengono il favore di coloro che sono innamorati della vita.
     Nietzsche – Umano, troppo umano – Per la storia dei sentimenti morali
Parenti del suicida – I parenti del suicida gli fanno colpa di non esser rimasto in vita per riguardo alla loro reputazione 
       Nietzsche – Umano, troppo umano – L’uomo nel rapporto con gli altri
Dalle lettere di Lucio Anneo Seneca a Lucillio
Non sono tanto ottuso da recitare a questo punto la litania epicurea e ripetere che sono falsi gli spauracchi dell'oltretomba; Issione non gira legato a una ruota, Sisifo non spinge con le spalle un masso su per una salita, a nessuno possono ogni giorno ricrescere ed essere divorate le viscere: non c'è uomo così infantile da temere Cerbero, le tenebre e gli spettri sotto forma di nudi scheletri. La morte o ci consuma o ci spoglia; se ci libera dal peso del corpo, rimane la parte migliore di noi; se ci consuma, di noi non resta niente; beni e mali scompaiono allo stesso modo.
Permettimi a questo punto di citare un tuo verso; bada, però: non lo hai scritto solo per gli altri, ma anche per te. È vergognoso dire una cosa e pensarne un'altra: ma scrivere una cosa e pensarne un'altra lo è ancora di più. Ricordo che una volta hai trattato questo argomento: noi non precipitiamo all'improvviso nella morte, ma ci avviciniamo a poco a poco.
Moriamo ogni giorno: ogni giorno ci viene tolta una parte della vita e anche quando ancora cresciamo, la vita decresce. Abbiamo perduto l'infanzia, poi la fanciullezza, poi la giovinezza. Tutto il tempo trascorso fino a ieri è ormai perduto; anche questo giorno che stiamo vivendo lo dividiamo con la morte. Come la clessidra non la vuota l'ultima goccia d'acqua, ma tutta quella defluita prima, così l'ora estrema, che mette fine alla nostra vita, non provoca da sola la morte, ma da sola la compie; noi vi giungiamo in quel momento, da tempo, però, vi siamo diretti.
Dopo aver delineato questi concetti con il tuo solito linguaggio, sempre sostenuto e tuttavia mai più penetrante di quando metti le parole al servizio della verità, scrivi:
La morte non viene una volta sola: quella che ci porta via è l'ultima morte.                    La religione è considerata vera dal popolo, falsa dai saggi, utile dai governanti.                                    I difetti degli altri li abbiamo negli occhi, i nostri sono sulle spalle
         Non puoi sfuggire al destino, puoi solo vincerlo.                                                                                                                                      (Seneca)
Che senso hanno quei concetti bugiardi , quei concetti ausiliari della morale , come “anima”,”spirito,”libero arbitrio”, “dio”, se non quello di rovinare fisiologicamente l’umanità?  Se non si riconosce l’importanza della conservazione di se stessi, della crescita delle forze fisiche, cioè del vitale, se si fa un  Ideale  dell’anemia del disprezzo del corpo a favore della “salute dell’anima”, che cosa si fa se non preparare  una ricetta per la decadenza?                                       La perdita dell’equilibrio, l’opposizione agli istinti naturali , in una parola  il “trascurare se stessi”, è quello che , finora, è stato definito Morale.     
Quando a cavallo fra due secoli di decadenza , apparve  una “force majeure” di genio e di volontà, forte abbastanza  per fare dell’Europa una unità politica ed economica, i tedeschi con le loro ”guerre d’indipendenza” impedirono all’Europa di comprendere  il significato, il meraviglioso significato dell’esistenza di Napoleone. 
Per questo motivo sono loro ad avere sulla coscienza tutto ciò che è avvenuto dopo, e che vediamo oggi: la malattia, la mancanza di ragionevolezza opposte alla cultura. Il nazionalismo, questa “névrose nationale” di cui soffre l’Europa, questo prolungamento all’infinito della divisione dell’Europa in piccoli stati, dalla piccola politica; hanno privato l’Europa del suo significato, della sua ragione: l’hanno spinta in un vicolo cieco.
Infine , perché non dovrei  esprimere il mio sospetto? Anche nel mio caso i tedeschi faranno  di nuovo il possibile perché da un formidabile destino  nasca un topo.
Mettere al posto  della salute la “salvezza dell’anima” è una “folie circoulaire”  fra le convulsioni della penitenza e l’isterismo della redenzione!
Il concetto di colpa fu inventato insieme allo strumento  di tortura che lo completa, il concetto di “libero arbitrio”, utile per confondere gli istinti ; nel concetto di “altruismo”, di rinuncia a sé stessi “ è nascosto il reale segno della decadenza che consiste nell’essere attratti da ciò che reca danno, nel non potere più trovare la propria utilità, nella distruzione si é elevata  a “buona qualità” , a “dovere “ a “santità, a “divinità” nell’uomo.
E infine , e questa è la cosa più terribile, la legge della selezione è messa in croce, tutto ciò che si oppone all’uomo fiero e ben riuscito, l’uomo che afferma , sicuro e garante del futuro , viene trasformato in un Ideale, mentre questo uomo viene  definito d’ora innanzi “cattivo”.
E’ tutto ciò è stato preso per valido sotto il nome di Morale !  “ Ecrasez l’infame ! ”, diceva Voltaire !.                                                                                             Nietzsche – Ecce homo
Il cristianesimo è detto religione della compassione. La compassione intralcia totalmente la legge dell’evoluzione, che è legge della selezione … Aristotele, com’è noto, vedeva nella compassione una condizione morbosa e pericolosa dalla quale uno farebbe bene a liberarsi .
Socrate : se tutto va bene,verrà il tempo in cui, per promuovere il proprio progresso morale ed intellettuale, si prenderanno in mano i Memorabili di Socrate , al posto della Bibbia. Montaigne ed Orazio saranno usati come precursori e guide per la comprensione del più semplice, intramontabile saggio : Socrate.  Rispetto al fondatore del cristianesimo, Socrate ha in più quel modo gaio di essere serio e quella saggezza piena di bricconate, che sono la migliore condizione spirituale dell’uomo.                                                         Nietzsche  – L’Anticristo
“ Seneca -  dal libro  “ L’arte di non adirarsi” …
… “ Nec ignoro ceteros  quoque effectus vix occultari, libidinem metumque et audaciam  dare sui signa et posse praenosci; neque enim ulla vehementior intrat agitatio quae  nihil  moveat in vultu. Quid ergo interest? Quod alii affectus apparent, hic eminet ”…
     So bene che anche le altre passioni si fa  fatica a tenerle nascoste, che la libidine, la paura l’audacia hanno anch’esse i loro sintomi e si possono prevedere: non c’è infatti emozione, quando  sia viva  ed intensa, che non alteri i lineamenti del volto. Qual è allora la differenza ? le altre  passioni si vedono, l’ira risalta “…
… “ Ex iis quae nos offendunt alia renuntiantur nobis, alia ipsi audimus aut videmus. De iis quae narrat sunt non debemus cito credere: multi mentitur ut  decipiant, multi quia decepti sunt; alius criminatione gratiam captate et  fingit iniuriam ut videatur doluisse factam; est aliquis malignus et qui amicitias cohaerentis diducere velit; est aliquis suspicax et qui spectare ludos cupiat  et ex  longinquo tutoque speculator quos collisit “...
     Fra le cose che ci offendono, alcune ci vengono riferite ,altre le ascoltiamo o le vediamo di persona. Alle prime non dobbiamo prestar subito fede: molti mentono per ingannare,molti perché sono stati ingannati, c’è chi cerca di entrare nelle tue grazie accusando qualcuno e s’inventa una offesa per farsi vedere dispiaciuto che ti sia fatta; poi c’è il maligno che vuole rompere le tue amicizie più strette, il sospettoso e come se si trattasse di un gioco amano fare gli spettatori guardando da lontano, e standosene al sicuro, quelli che hanno fatto azzuffare” …
“L’eterna clessidra dell’esistenza viene sempre di nuovo capovolta e tu con essa, granello di polvere “                                                                      Nietzsche  - Ecce homo        
"Non son lontani i tempi in cui in Italia  l'eretico, lo scomunicato, l’esule che si sottraeva con la morte alla condanna, non doveva trovar pace sottoterra:  le sue ossa  erano  dissepolte  e disperse ... Dal libro suo “Dante”, edito da Edoardo Sonzogno - Milano 1883 , Giuseppe Mazzini descrive l’alto valore del “ghibellin fuggiasco”, e ricorda :
“ … Tratto con sospetto o con fasto villano dai capi di parte , or  Guelfi or Ghibellini che lo ospitavano, imparò:
      …come  sa di sale
Lo pan altrui, e come è duro calle
Lo scendere e il salir per le altrui scale,
Imparò a diffidare della fame,della riconoscenza,dell’amicizia e d’ogni cosa fuorchè dell’anima sua, dell’avvenire  della sua Patria, imparò quel desiderio di morte che stilla a goccia a goccia nel cuore dell’esule, che espresse con altri suoi versi:                                          
…non so quant’io mi viva,
Ma già non fia il tornar mio tanto tosto,
Ch’io non sia col voler prima alla riva,
e imparò studiando uomini e le  cose e i condottieri ambiziosi ed i tirannetti italiani nei quali cercava di infondere un pensiero generoso di unificazione italiana.
Patì in silenzio; scrisse, consegnò via via nel Poema eterno al quale lavorava, le impressioni dell’anima, serbandole per gettarle ai posteri dietro il sepolcro.
Visse esule, morì nel 1321, il 21 settembre  in età di 56 anni, nella casa di Guido Novello, signore di Ravenna,che lo accorò e che infine gli celebrò i funerali; e tale Guido fu costretto dai casi a fuggir da Ravenna, dacchè il cardinale Poggetto si mosse  verso Ravenna con l’ordine del Papa Giovanni di dissotterrare l’ossa di Dante e di maledirle, e di disperderle…”
Così terminava  nel suo libro Giuseppe Mazzini:
“ … e quando sarete fatti degni di Dante , quando la terra vostra sarà vostra e non d’altri, quando l’anima di Dante potrà guardare in voi senza dolore e lieta di tutto il suo orgoglio italiano- noi innalzeremo la statua al Poeta sulla maggiore altezza di Roma e scriveremo sulla base: …  AL PROFETA DELLA NAZIONE ITALIANA GLI ITALIANI DI LUI  DEGNI …”
Giuseppe Mazzini morì a Pisa il 10 marzo 1872, le sue spoglie furono portate da Pisa a Genova. Nel viaggio, nelle stazioni ma anche su tutto il percorso, si assiepò il popolo commosso a veder passare il treno mortuario. E fu detto che più che un trasporto funebre il viaggio fu il suo  trionfo post- mortem.                                                                                                               Scese in campo Giosuè Carducci dedicandogli una iscrizione.
Non vogliamo soffocarla con dei commenti, ma per i giovani che non conoscono la storia, in questa iscrizione c'è tutto condensato il Risorgimento Italiano nei suoi casi principali, e rammenteremo loro soltanto che il Mazzini ebbe questo grandissimo merito, di far chiara a tutta la nazione l'idea dell'unità e libertà italiana, non si stancò mai di predicarla e di adoprarsi per attuarla, fondandosi sul popolo che nel 1848 egli appunto nelle forze popolari confidò per la resistenza contro gli Austriaci, e poi contro i Francesi e gli Spagnoli e i Borbonici, quando resse come triumviro, nella memorabile difesa, le sorti della Repubblica Romana; e che ebbe a soffrire di vedersi escluso dai grandi fatti del 1859-60 e dalla liberazione di Roma nel 1870, tenuto in sospetto, e ufficialmente (se non nella realtà) condannato ed esiliato, così che, quando si spense, abitava a Pisa, costretto a nascondersi.          Ecco l'iscrizione che gli dedicò il Carducci :                                                                                                                                                                                                                                            
"“ Libertà va cercando, ch'é si cara come sa chi per lei vita rifiuta “        (Dante)
"Non mi ricordo più chi mi disse un giorno che la vita si divide in due periodi : nel primo  si è invitati alle cerimonie nuziali; nel secondo alle cerimonie funebri degli stessi che vedemmo un dì sposarsi ; io, ahimè, sono nel secondo periodo, ed ogni tanto mi tocca piangere un amico che se n'è andato per sempre, e se mi capita di cercare con la memoria, i superstiti, mi accorgo di restare  ogni giorno più solo...e … la lista dei renitenti alla chiamata di leva “cimiteriale” si assottiglia sempre più.
“ Se tacessi,crederei di mancar di riguardo al pubblico, alla verità, alla mia professione ed a me stesso, come si dice … “                                                                                          Voltaire
“Lo storiografo deve aver come mèta soltanto l’utilità che si trae da una narrazione veritiera e se nella sua opera egli insinua qualche abbellimento, occorre  che ciò non sia per corromperne la verità,ma per farla meglio accettare “  ..                                                                                                                                                                                            Dablancourt
La storia è diversa a seconda del paese in cui la raccontano, ma ciascun paese  è così geloso della propria che guai a chi gliela tocca...forse sarebbe il caso di  esclamare  che è tutta colpa della guerra! Infatti ogni qualvolta che ne scoppia una, la prima  vittima è sempre  la verità . Le bugie sono necessarie per demonizzare il nemico, e non è il caso di proseguire  con tutte le bugie che i vincitori hanno trasformato in mendaci epopee, Winston Churchill sosteneva che …” la verità è così importante che occorre nasconderla dietro una cortina di bugie “...; ma dopo la guerra , forse, sarebbe stato onesto rivelarla....le bugie dei vincitori sono diventate verità, mentre quelle dei vinti sono rimaste a latere, per riemergere  nel conflitto successivo...la verità comunque non è più tornata a galla .             "La storia ci ha mentito" - A.Petacco
Non mi accingo a riabilitare gli sfortunati cartaginesi che Tacito o Svetonio ci hanno insegnato ad odiare sui banchi di scuola, nè emendare altri popoli che un avverso destino ha condannato alla "... damnatio memoriae....".
D'altronde , cancellare la memoria non è affatto semplice. Ci provarono per primi gli antichi greci (403 a.C.) con il Patto dell'oblio  che vietava di " .. ricordare il male fatto o ricevuto affinché nessuno in seguito cerchi di vendicarsi .." ma fu fatica sprecata: gli ateniesi e gli spartani continuarono a combattersi.
Qualche secolo dopo, similmente, Enrico IV, cercò di far dimenticare la notte di San Bartolomeo, in cui vennero sgozzati dai cattolici circa 20.000  ugonotti, senza risparmiare nè donne, nè vecchi nè bambini, con il suo editto di  Nantes ( 1598), ma nessuno gli prestò ascolto.    Anzi quello stesso sovrano venne assassinato da Francois Ravaillac, fanatico frate fogliante  che evidentemente non aveva sopito il ricordo....      
                                                                                ("Trattato sulla tolleranza" F.M.A. Voltaire ")
Si potrebbe applicare la massima di San Tommaso :  ".. Nihil  est in intellectu quod non fuerit prius in sensu .. " .  Dov'è la tanto conclamata  ragione umana ?
La storia , ed anche l'esperienza quotidiana, ci dimostrano che nelle azioni degli uomini c'è ben poco di razionale. Erasmo da Rotterdam scrisse L'Elogio della pazzia; ma se  si osserva con distacco e freddezza la tragicommedia  della vita vien quasi voglia di scrivere un libro con il titolo :Trionfo della pazzia.    
Geer Geertsz ,che tradurrà il suo nome in quello umanistico di Desiderio Erasmo, nel suo libro “ Morias Encomion” usa una satira feroce, e filosoficamente riprende il celebre paradosso di Socrate, “ .. io so di non sapere …”, e lo scompone  nei due corni del dilemma  che è alla base dell’Elogio: la sapienza è follia e così pure l’ignoranza, solo meno parossistica e macilenta, più lieta e spensierata.
La religione cristiana mostra propriamente di avere , in certo qual modo, una parentela con una certa forma di follia, e nessuna conformità con la saggezza. “
I cristiani prodigano i loro averi, trascurano le offese, si lasciano raggirare,non distinguono fra amici e nemici, rifuggono il piacere , si nutrono di fame,veglie,lacrime,stenti,ingiurie, hanno a uggia  la vita,desiderano solo la Morte : in una parola, sono divenuti tanto storditi rispetto al sentire comune, che il loro spirito sembra vivere altrove, non nel suo corpo. E’ questo che altro è , se non pazzia?”.
Il paradosso di Erasmo è geniale: la follia si definisce per essere una falsa rappresentazione della realtà, quindi sulla realtà non può che esprimersi in modo falso. Tuttavia, se la realtà è falsa, ciò che su di essa predica la follia diventa vero ...
Secondo la follia, se qualcuno dovesse sentirsi offeso dalle mie parole, allora  significa che egli ha la coscienza sporca o, quanto meno, la coda di paglia: il mio obiettivo era divertire piuttosto  che pungere.
Chi si affida a misteriosi riti o preghiere, inventati da qualche pio impostore in vena di far miracoli o far soldi, per ottenere qualsiasi cosa : ricchezza,onore, piacere,abbondanza , buona salute,salda vecchiaia ed infine un buon posto in Paradiso ( ma il più tardi possibile, quando i piaceri della vita terrena , ai quali sono molto affezionati, li abbandoneranno),allora saranno lieti di partecipare alle gioie dei popoli celesti ….
…” se cento lingue e cento bocche avessi
                        E una voce di ferro, io non potrei
                        Tutte ridir le specie di stoltezze 
                        Tutti  ridir  della pazzia i nomi                 ( Virgilio, Eneide, VI,625 sgg.)
Ho sentito un pazzo furioso (volevo dire un dottorone) che presentava una riflessione sui misteri della trinità di Dio. Per spiegare il mistero del nome di Gesù egli dimostrò con mirabile acume che nelle  singole lettere di cui è composto era racchiuso tutto ciò che poteva dirsi di Cristo. Il fatto che la declinazione latina del nome Jesus si articola in tre casi è un primo evidente  richiamo alla trinità divina. Nelle uscite dei tre casi (Jesus,Jesum e Jesu) si distinguono tre lettere, S,M e U, nelle quali si cela il mistero della natura di Cristo: summus,medius  e ultimus, ossia il principio, il centro e la fine.
Ora restava da svelare un mistero più astruso del più astruso problema matematico. Egli dimostrò che il nome Jesus, composto di cinque lettere, è diviso dalla lettera centrale , la s, in due parti uguali. Gli Ebrei chiamavano questa lettera  syn e lo stesso termine syn, in lingua scozzese, significa peccato. Ne risulta  chiaramente  che Gesù è colui che libera il mondo dal peccato.Un esordio così originale suscitò la meraviglia di tutto il pubblico e in particolare dei teologi che poco mancò restassero impietriti come Niobe. In quanto a me, mi sentivo come  quel Priapo che aveva assistito ai misteri notturni di Canidia e Sagana.  Non era solo più un pezzo di legno di fico, ma provava terrore che si manifestò con tale frastuono e vigore che le due perfide donne, atterrite, fuggirono a gambe levate. Neppure ai tempi dei Greci e dei Romani oratori come Demostene o Cicerone hanno mai immaginato di ricorrere a simili espedienti, anzi, ritenevano scorretto iniziare un discorso con argomenti non attinenti al discorso stesso. La natura lo insegna. Tanto che un porcaro, che non ha frequentato altra scuola, non ricorre mai a preamboli e spesso cerca di entrare in casa assieme alla porta.
Fatto sta comunque che è solo grazie a me follia, essi trovano un pubblico compiacente , che li ritiene più dotati di un Demostene  o un Cicerone : bisognerebbe esser ciechi, dunque, per non vedere quanto questa razza di uomini mi sia debitrice.              
E, per finire, vorrei concludere sulle scritture, tornare a San Paolo, egli, facendo riferimento a se stesso afferma : …” abbiate pazienza con gli stolti, e prendetemi tra voi come un pazzo”, e ancora “ …io non parlo secondo Dio, ma come se fossi un folle, e siamo folli per volontà di Cristo”.
Ecco che un autore del suo rango elogia apertamente la pazzia ! Non solo, egli la definisce un bene necessario, indispensabile : “ … chi fra voi crede di essere saggio diventi stolto, solo così acquisterà la vera saggezza “ .  Non è un caso se Dio mostra tanta benevolenza nei confronti degli stolti: gli uomini troppo astuti e scaltri non sono mai andati troppo a genio ai principi : per esempio Cesare non si fidava di Bruto e di Cassio, ma non diffidava di Antonio, dedito al vino; Nerone no poteva soffrire Seneca ; Dionigi non sopportava Platone. Stolti ed insipienti invece sono sempre bene accetti; per la stessa ragione, dunque, Cristo detesta e condanna i saggi che si affidano totalmente al loro ingegno.
In ogni pagina del Vangelo Cristo si oppone con manifesto accanimento a farisei, dotti e legulei, prendendo invece sotto la sua protezione il popolo ignorante. Quando esclama : “ … guai a voi, scribi e farisei !... ” Gesù si scaglia, infatti, contro i sapienti, mentre accoglie volentieri presso di sé donne,fanciulli e pescatori. Persino tra gli animali Egli preferisce quelli che più si discostano dalla furbizia della volpe. Per spostarsi scelse di cavalcare un asino, quando, se lo avesse voluto, avrebbe potuto prendere un leone. Lo Spirito santo scese sotto forma di colomba, non di aquila o sparviero.
Le Sacre Scritture fanno spesso riferimento a cervi,capretti ed agnelli. Coloro che seguiranno Gesù nell’eternità sono chiamati  ”pecorelle”.  Ebbene , ditemi se c’è un animale più stupido della pecora ! Lo stesso Aristotele si serve  dell’espressione “ testa di pecora “ con significato  tutt’altro che edificante.  Cristo non si vergogna di essere il pastore  di un simile gregge e , come riferisce Giovanni, si compiace addirittura di farsi chiamare agnello : “… ecco l’agnello di Dio !.  Nell’Apocalisse questa espressione ritorna sovente.
Se qualcuno riterrà di aver udito parole troppo sfrontate e petulanti ricordi che a parlare era la Follia, che è donna. Perciò vi prego, signori miei, di rammentare ciò che i greci dicevano in proposito: spesso un folle dice cose assennate.
Allora, signori miei, illustri seguaci della Follia, addio ! E, quando avrete finito si applaudirmi non dimenticate di bere un bicchiere alla mia salute !
Tomaso Moro sarebbe stato pronto a bruciarlo, l’Elogio della follia che Erasmo gli avea dedicato. Se fosse stato tradotto in inglese dall’originario latino, aggiungendo che avrebbe bruciato anche le sue stesse opere, Utopia inclusa, se fossero state tradotte e rese accessibili alle masse.
Tomaso Moro ci lasciò un opera immortale , scritta ai tempi del soggiorno nelle Fiandre, e stampata a Lovanio nel 1516. Come tutti i  “grands livres “ di filosofia e di scienza de quel tempo, il “ Libellus vere aureus nec  minus salutaris quasi festivus de optimo  reipublicae statu, deque nova insula Utopia “ era in latino, cioè nella lingua della oligarchia sovranazionale che tenne insieme l’Occidente per secoli.
“ Utopia “ è termine greco e vuol dire “il luogo che non c’è” . Tomaso lo costruì partendo dalla negazione ”ou” dal sostantivo “topos”, che significa “luogo, posto”.  L’opera si diffuse  rapidamente in tutta Europa, comparve in italiano con la traduzione di Ortensio Landi, nel 1548 : la lessero in tanti anche nei secoli successivi.
“ … E’ forse giusto che qualche nobile, un mercante di denaro, un usuraio o altri che fanno lavori poco utili allo Stato conducano una vita  lussuosa e piacevole occupata dall’ozio da attività inutili, mentre garzoni, cocchieri, falegnami e contadini sono costretti a lavorare ininterrottamente come bestie  da soma? Sono lavoratori senza i quali lo Stato non sopravviverebbe più di un anno, eppure  conducono una vita così misera e povera da far  sembrare preferibile quella delle bestie … “
… Sunt apinae tricaeque et siquid vilius istis …
    … Sono inezie, cose meno che da nulla …
Erasmo da Rotterdam e Tomaso Moro vanno letti fra le righe: erano maestri di ironia .
L'Italia ,diceva  Prezzolini, si presenta male, da questo punto di vista le sue prediche,o meglio le sue scudisciate, erano sacrosante :
…” abbiamo il più grande patrimonio artistico e culturale  del mondo, ma i musei a volte sono indecorosi, le case sono pulite di dentro  ma sporche di fuori, abbiamo le più belle città in assoluto però le vie e le piazze sembrano talvolta immondezzai .
Hanno eletto a patrono d'Italia, non un arcangelo, ma san Francesco, vale a dire un ciandala, detto in senso puramente esteriore, ben sapendo quale sia l'altissimo valore  morale di questo santo, figura unica in tutta la storia del cristianesimo “.
A volte gli italiani piangono anche troppo, forse il nostro inno nazionale  dovrebbe essere il Confiteor, non abbiamo ereditato veramente nulla dai romani. Plinio il giovane , testimone oculare dell'apocalittica esplosione del Vesuvio, che distrusse Pompei ed Ercolano, scrisse all'amico Tacito, di non aver emesso neppure  un gemito o un lamento: " possem gloriari  non gemitum mihi, non vocem perum fortem in tantis periculis excidisse " (Un vanto non poter emettere un gemito,ma non ho perso di vista la voce dell’uomo forte ). C'è da chiedersi se non siano stati i cristiani a importare la lacrima facile.   
Così scriveva Giuseppe Prezzolini, nel suo libro “ Vita di Niccolò Machiavelli , fiorentino” :
“ O monumenta italicae plebis, monumento di un popolo senza carta,, chi mai  vi raccoglierà dalle latrine, dalle sale d’aspetto, dalle colonne dei loggiati, dalle pareti delle case e delle chiese celebri, dai corridoi  delle questure, dalle aule dei tribunali, dalle aule scolastiche, piene di vivaci liriche, di affrettare storie, di appassionate politiche, di domestici conti, di secche cronache, di violente invettive, di dolenti preghiere; che vi raccoglierà, anonime scritture voci di popolo ispirate dalla noia, dall’oppressione, dal pericolo, dall’ira, dall’amore, dalla vanità, dalla pena sincera dei cuori?
Alla gran collezione collaborò certamente Nicolino. Su quelle pagine vergò le sue prime firme e i suoi ritratti, che furono ritratti delle cose de Borgo Ognissanti, gli eruditi  li ignoravano e sono persi per sempre, perché non furon scritti per papi e per umanisti per  consorterie e per ufficiali di Stato, per prìncipi e per letterati. Nicolino, prima di mascherare il suo pensiero, imparò per il Carnasciale  a mascherare  il suo volto.
Conobbe  tutti gl’intrighi del vicinato, vide la roba che va e viene, i frati ruffiani, le femmine santerelle, gl’innamorati ridicoli, i mariti uccellati, le mogli frenetiche, i parassiti golosi,i servi ingannatori, le cantoniere adescatrici ( và da sé che tutt’oggi a Ginevra la parola adescatrici è rimasta “.. le cantonnier ..” ) ;la poca fede di tutti gli uomini e i primi esempi del gran gioco condotto dalla Fortuna nel suo turbine vasto, ch’egli si studiò di rappresentar nelel sue Commedie e di narrar nelle sue Istorie.
Ma crescendo, le vie di Firenze mostrarono a Machiavelli altri spettacoli ed insegnarono altri motti come :  mora il tale ! impicca,impicca ! dagli , dagli !  arrenditi, piagnone! Palle, palle, viva il cotale ! a basso il Frate ! Ancor giovane vide l’uccisione a furia di popolo dei Pazzi, che avevano attentato alla vita di Lorenzo de’ Medici, a venticinque anni l’entrata di Carlo VIII in Firenze, a ventinove il rogo del Frate. La vera patria era Roma, i veri suoi concittadini erano i Romani. Uno schiaffo romano valeva tre schiaffi  francesi, quattro schiaffi  spagnoli,dieci schiaffi papalini; i Romani avevano cinque dita tozze, le loro  unghie  arano ancora sporche  di terra, quando partivano per vincere un re o debellare un impero, dove ponevano piede facevano radice. Non erano ricorbelliti dalla religione cristiana: questo era il mondo, un altro mondo non esisteva, non erano snervati dal pensiero che tutto  è vano; i Romani ragionavano sempre , prima di prendere un partito : discorrevano senza cicalate.  Che cosa torna conto? Ragionavano con la stadera in mano.
Questi erano i Romani fino al tempo dei Gracchi, gli altri piacevano meno, non parliamo di quelli che diventaron cristiani : quello fu un tristo momento, gli Imperatori cominciarono a guardare l’ombra invece del sole, il mondo rincorbellì e invigliacchì, né ci fu più verso di rimetterlo in piedi.
La lotta politica era più rischiosa di quella d’oggi : non si trattava di un voto contrario in Parlamento, non si giocava un ministero, l’automobile , essere eletti sindaci. La pòsta era quasi sempre la vita, chi perdeva pagava con la vita, che vinceva prendeva la vita dell’avversario, chi entrava nell’arringo sapeva quello che arrischiava.
Fra i primi ad aver perso la pòsta furono i Pazzi, e l’arcivescovo di Firenze Salviati. Nel 1478 attentarono alla vita dei Medici, Lorenzo e Giuliano, uccidendo questo e ferendo l’altro nel Duomo di Firenze durante le messa,  al momento che il Salviati alzava l’ostia consacrata.
Il ritratto di Francesco de’ Pazzi e l’arcivescovo Salviati che passano, per la via centrale di Firenze, ignudi tra due ali di popolo feroce che li insulta, per essere impiccati al termine della via.
 Da “IL PRINCIPE”   di Messer Niccolò Machiavelli ( Nicolaus  Malclavellus )
Ad  Magnificum Laurentium Medicem
-  Exortatio ad capessendam Italiam in libertatemque a barbaris vindicandam .
E non è maraviglia se alcuno de’ prenominati Italiani non ha  possuto fare quello che si può sperare facci la illustre casa vostra; e se m in tante revoluzioni di Italia e in tanti maneggi di guerra, è pare sempre che in quella la virtù militare sia spenta. Questo nasce che gli ordini antiqui di essa non erano buoni, e non ci è suto alcuno che abbi saputo trovare de’ nuovi : e veruna cosa fa tanto onore a uno uomo che di nuovo surga, quanto fa le nuove legge e li nuovi ordini trovati da lui. Questa cose, quando sono bene fondate e abbino in loro grandezza, lo fanno reverendo e mirabile. E in Italia non manca materia  da introdurvi ogni forma; qui è vitrù grande nelle membra, quando la non mancassi ne’ capi. Specchiatevi ne’ duelli e ne’ congressi de’ pochi, quanto gli Italiani sieno superiori con le forze, con la destrezza, con lo ingegno; ma, come si viene agli eserciti, non compariscono. E tutto procede dalla debolezza de’capi; perché quelli che sanno non sono obediti, e a ciascuno pare di sapere, non ci sendo infino a qui alcuno che si sia saputo rilevare, e per virtù e per fortuna, che gli altri cedino. Di qui nasce che, in tanto tempo, in tante guerre fatte ne’ passati venti anni, quando egli è stato uno esercito tutto italiano, sempre ha fatto mala pruova. Di che è testimone prima el Taro, di poi Alessandria, Capua,Genova,Vailà,Bologna,Mestri.
Esortazione a liberare l’Italia dagli stranieri
Non c’è da stupirsi se gli Italiani ci cui già abbiamo parlato non hanno potuto fare ciò che invece speriamo possa fare il suo illustre casato. Sembra quasi che, nonostante i rivolgimenti politici e i continui conflitti, il valore militare sia scomparso. La responsabilità di questa situazione è da attribuirsi alla pessima organizzazione dei governi precedenti e dalla mancanza di qualcuno che fosse in grado di rinnovarli. Grande fama e onore  potrebbe ottenere un principe nuovo capace di organizzare in modo diverso lo stato. Nuove leggi e nuovi ordinamenti , ben radicati nella realtà e quindi duraturi,possono farne un protagonista ammirato e rispettato. In Italia non  manca la materia prima necessaria ad essere  modellata: il popolo è capace ma i capi sono degli inetti. Lo si vede quando nei duelli e negli scontri singoli gli Italiani primeggiano per forza,abilità e ingegno.  Gli eserciti invece escono sempre sconfitti dalle battaglie perché i capaci non ottengono l’obbedienza mentre tutti sono convinti di saper comandare. Finora nessuno è stato in grado di emergere per abilità e fortuna in modo da cancellare gli altri. Così, per lungo tempo e nelle guerre degli ultimi vent’anni, l’esercito formato di forze italiane ha sempre subito sconfitte. Ne sono la prova le battaglie di Taro,quelle di Alessandria,Capua,Genova,Vailà,Bologna e Mestre.
Petrarca cantò:
Virtù contra furore
                        Prenderà l’arme ; e fia  el combatter corto
Chè l’antico valore
Nell’italici cor non è ancor morto
Da il “Principe”, edizione rilegata in pelle della Hoepli del 1916, con dedica di S.E. Antonio Salandra  – Presidente del Consiglio dei Ministri, libro regalatomi da un mio zio materno al compimento del mio 20° anno, sfogliandolo in merito ai “ritratti  delle cose dell’Alamanga” così scrivea  il Machiavelli…:                                                                                                                            “ … le genti d’arme tedesche sono assai ben annotate di cavalli, ma pesanti e altresì sono bene armate in quella parte che usano armare.  Ma è da notare che in fatto d’arme contra Italiani e Francesi non farieno prova, perché non usano a’ cavalli armadura di alcuna sorte, e le selle  deboli e sanza arcioni, in modo che ogni piccolo urto li caccia a terra. Ecci un’altra cosa in giuso, cioè cosce e gambe, non possono reggere l’urto, non possono poi anche reggere l’arme corta, ed è in potestà d’ogni pedone con la picca trarli da cavallo o sbudellarli … “.
Il Savonarola era il Medio Evo, Machiavelli era il tempo moderno : Savonarola aspettava tutto da Dio, Machiavelli tutto dall’uomo !
Monsignor Colombo da Priverno – giudice della Sacra Consulta , rivolge nel film In nome del Papa Re, agli incartapecoriti confratelli del tribunale penale supremo dello Stato Pontificio: “Stiamo attenti,eccellentissimi padri, che quando un esercito è in borghese è un esercito di popolo. E cor popolo ce se sbatte sempre er grugno !”                                                                   
Ora riporto le parole che risuonavano nell’aula magna della Sorbona, nel febbraio del 1947 per opera di Georges Bernanos :                                                                                                            "... la vita non sceglie il suo mondo ma vivere vuol dire trovarsi, subito, in un mondo determinato e incommutabile: in questo di adesso, che non abbiamo  scelto noi.  Noi non siamo lanciati nell’arco dell’esistenza come un proiettile d’un fucile, la cui traettoria  è prestabilita.  La fatalità  in cui ci troviamo nel capitare in questo mondo, consiste interamente nel contrario. Invece di imporci una traettoria, ce ne impone diverse, e di conseguenza, ci obbliga ad una scelta … “                                                                                                                                                                 “… vivere è sentirsi fatalmente costretti a esercitare la libertà: decidere ciò che dobbiamo essere. Neanche un solo istante lascia riposare la nostra attività decisionale. Anche quando, disperati, ci abbandoniamo a quello che vorrà avvenire, abbiamo deciso … di non decidere. E’ quindi, falso dire che nella vita “decidono le circostanze”, al contrario le circostanze sono il dilemma, però quello che decide è il nostro carattere ..."                                             “ … non voglio spedire le macchine al tribunale di Norimberga; costerebbero troppo le spese del processo. Le macchine non si sono moltiplicate secondo i bisogni  dell’uomo ma secondo i bisogmi della speculazione: questo è il punto essenziale . Non si può confondere una onesta  agenzia  matrimoniale con un’organizzazione di prostituzione. La scienza ha fornito le macchine, la speculazione le ha prostituite, e ne chiede sempre di più alla scienza per i bisogni di un appalto che vuole estendere a tutta la terra. Poi è venuto lo stato moderno a prendere l’affare nelle sue mani …“.                                                                                                                     “… di fronte a questa civiltà della materia, a questa organizzazione totalitaria e  concentrazionaria che assorbe  le stesse democrazie, la Francia sembra essere sola.  Perché, lo sapete, le democrazie  scivolano verso la dittatura, sono già dittature economiche.         Gli imbecilli dicono che non potevano fare diversamente.                                             Rispondo che il compito delle democrazie  non era di fare le guerra ma di prevenirla a tempo. Orbene, esse hanno tollerato e anche favorito le dittature, finché hanno creduto di potersene servire; dopo sono andate a Monaco in camiciola e con  la corda al collo. Gli uomini di Monaco avrebbero dovuto andare  a  sedersi tra Ribbentrop e il maresciallo Goering, a Norimberga, per sentire il rappresentante di Stalin parlare, a nome della coscienza universale, dei diritti  sacri della persona umana.                                                                                                                           Alla fin fine non c’è nessuno tra di noi che non abbia già fatto il sogno o avuto l’incubo di una totale esplosione dei continenti a causa di una bomba atomica mal regolata ! … ”                        “ … guadagnare tempo non sempre è un vantaggio. Quando si va al patibolo, per esempio, è preferibile andarci a piedi ! … “.                                                                                                                                “… Per chi suona la campana ? A che serve la libertà ?  La peggiore  minaccia per la libertà non sta nel lasciarsela togliere, perché chi se l’è lasciata togliere può sempre riconquistarla, ma nel  disimparare ad amarla o nel non  capirla più.                                                     Nel suo libro “ Rivoluzione e libertà, Bernanos, “ così condensava il suo pensiero :                                    “ … Voi vedete tutti i giorni i medici di Molière attorno all’agonia del mondo, e vi ci siete totalmente abituati che domani, forse, vi sembrerà naturale  morire in mezzo a quei burattini, come un vecchio signore cardiaco colpito a morte in una sera di carnevale, nel salotto di una casa malfamata, e la cui ultima smorfia si riflette  di specchio in specchio sulla barella a ogni gradino della scala….”.
“ Le menti mediocri condannano abitualmente tutto ciò che oltrepassa la loro capacità”                                                                                                                                                           ( La Rochefoucaluld )                   
“ .. Non finirei mai se volessi narrare tutto il bene che non fecero e tutto il male che fecero “ 
                                                                                                                            ( Montesquieu )
 “ ..Non vi è segreto che il tempo non  isveli “                                             ( Racine )
“ ..I delitti segreti hanno gli dei come testimoni “ ..                                                                                    “ ..Si è chiesto sovente quel che accada dei tesori  prodigati durante la guerra ed è stato risposto che so rinchiusi nelle casseforti  di due o tremila  privati che hanno approfittato della pubblica  sciagura… “                                                             ( Voltaire )
 “ Solo due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima ”
    ( A. Einstein)
Nel suo libro  “ La teoria dei quanti di luce ” , Einstein,  ci fa notare prima di enunciare la formulazione  della teoria quantistica,  la sua aperta polemica per la realizzazione della bomba atomica , a cui si era vivamente opposto, ed  al suo impiego nella guerra tra USA e Giappone.  Pacifista  militante, scriveva a Princeton il 18  aprile 1955, poche ore  prima di della sua morte, al premier  indiano Nehru : … “ Le armi per la distruzione di massa hanno raggiunto una tale potenza che se l’uomo non trova i mezzi per vivere in pace con i suoi simili, può essere distrutto..” .
Va da sé che è bene ricordare che la pace eterna è solo retaggio dei cimiteri…
A. Einstein - dal libro “ il significato della relatività, il mondo come io lo vedo “ :
la ricerca del sapere  fine a se stesso,
un amore quasi fanatico per la giustizia
il desiderio di indipendenza personale.
Sono questi i tratti degli ideali che mi fanno rendere  grazie alle stelle perché ne faccio parte.
Quelli che al giorno d’oggi infuriano contro gli ideali della ragione e la libertà individuale  e cercano di edificare  un’avvilente  schiavitù di Stato con la forza bruta, a ragione  vedono in noi i loro inconciliabili nemici.
La storia  ci ha serbato un osso duro; ma fintanto  che restiamo devoti  servi della verità, della giustizia e della libertà, continueremo  non solo a sopravvivere ma mediante il lavoro creativo continueremo a produrre  frutti  che contribuiscono alla nobilitazione della razza umana, come è stato finora.
Sigmund Freud, nel suo libro “ Il disagio della civiltà ”, cita il suo incontro con Albert Einstein anche in merito all’interrogativo se esiste un modo per liberare gli uomini dalla fatalità della guerra.                                                                                                                                                      Nel 1931 il Comitato della Società delle Nazioni, invitò l’”Istituto internazionale di cooperazione intellettuale”  a farsi promotore di uno scambio di lettere tra gli esponenti rappresentativi  dell’epoca.  Tra i primi ad essere interpellato fu Albert Einstein, il quale  fece il nome di Freud. Il segretario dell’istituto  ottenne l’adesione di Freud e nel corso dell’estate si svolse la breve  corrispondenza, pubblicata po a Parigi all’inizio del 1933, la diffusione ne fu vietata in Germania. La sua lettera resta  come una felice esposizione riassuntiva dei risultati  raggiunti nel saggio sul Disagio della   civiltà.                                                                          Einstein e Freud  si erano incontrati, nel 1927, a Berlino in casa del figlio minore di Freud, Ernst. Descrivendo l’incontro, Freud aveva  scritto a Ferenczi : “ Capisce  di psicologia quanto io capisco di fisica, sicché avemmo una conversazione  piacevolissima”.  Einstein e Freud corrisposero ancora amichevolmente nel 1936 e 1939.                                                                         Così terminava Einstein la sua prima lettera a Freud : …” La mia insistenza sulla forma più tipica , crudele e pazza di conflitto tra uomo e uomo era voluta, perché abbiamo qui l’occasione migliore per scoprire i mezzi e le maniere mediante i quali rendere impossibili tutti i conflitti armati.  So che nei suoi scritti possiamo trovare  risposte esplicite o implicite a tutti gli interrogativi posti da questo problema che è insieme  urgente e imprescindibile. Sarebbe tuttavia della massima utilità  noi tutti se Lei esponesse il problema della pace mondiale alla luce delle Sue recenti scoperte, perché tale esposizione potrebbe indicare la strada a nuovi e validissimi modi d’azione …”.                                                                                                                A questa lettera Freud, rispondeva  tra l’altro così : …” Una prevenzione sicura della guerra è possibile solo se gli uomini si accordano per costruire un’Autorità centrale , al cui verdetto vengano deferiti tutti i conflitti di interessi.  .. Ora la Società delle Nazioni è stata concepita come suprema potestà del genere, ma la sua seconda condizione non è stata adempiuta , la Società delle Nazioni non dispone di forza propria e può averne una solo se i  membri dell’associazione,  i singoli stati, gliela concedono.                                                                                                                                                                                                                                E’ curioso ma mi sembra strano che tutte le insurrezioni e rivoluzioni non siano apologia  della plebe in rivolta: la santa plebe .                                                                                                               Il senso di quanto seguirà non è contrario alle rivoluzioni ma sostiene che le rivoluzioni o si fanno bene  o non si …“ hanno da fare “.   La rivoluzione non è un gioco da ragazzi, che nel gioco costruivano delle barricate da ridere per la quali qualcuno ha visto la rivoluzione.                           La domanda è : “ si possono fare rivoluzioni senza teppa ?” Non credo, le rivoluzioni non si fanno né con gli studiosi, né con la gente in guanti bianchi. Un teppista conta indubbiamente più di un professore di università quando si tratta di tirare su una barricata o di sfondare la porta di una banca.                                                                                                                            Coloro che oggi protestano contro la teppa credono forse che la Rivoluzione  francese, la difesa di Venezia e di Roma, o le Cinque  Giornate, per citarne alcune, abbiano visto per le strade soltanto persone con la fedina criminale pulita ? Con la “gente per bene” il mondo non andrebbe avanti; se talvolta è necessario uno strappo, una violenza, chi chiameremo a compierla?  Secondo Marx la violenza è la matrice delle nuove società ed il culto della violenza  ci è stato insegnato da Sorel.                                                                                                  Queste torbide forze dell’essere che scaturiscono dai meandri più bui nei momenti necessari, e che parlano con l’incendio e con la distruzione devono rientrare nella loro oscurità nel loro anonimo una volta esaurita lo loro spinta.                                                                                              Ma intanto hanno lasciato il loro geroglifico o il loro stemma  impresso per le vie dove sono transitate e per qualche tempo destano ancora il terrore  nel pacifico borghese.                                                                                                                                                                                                 Una mente aperta, una intelligenza alta, un idealista non deve  considerarle  come  un borghese chiuso nelle  quattro assi di quella bara che è il suo interesse particolare. 
Noi viviamo tuttora sui depositi che l’irruenza di inondazioni rivoluzionarie ha buttato al di sopra degli argini di mille  governi e di mille religioni !
Ma se siamo figli della rivoluzione allora la “teppa” di ieri è la nobiltà di oggi, e la teppa di oggi potrebbe essere  la nobiltà di domani.
Spetta ad un idealista rivendicare la teppa di fronte a quelli che dopo averla evocata dagli antri della città, con il suo ordine, la tiene sigillata, negromanti paurosi e ridicoli, si sono spaventati del fuoco e del fumo che essa ha cominciato a gettare e, come Benvenuto Cellini al Colosseo preso di terrore all’apparir dei demoni che aveva chiamati, se la son fatta addosso.
Di fronte a certi comizianti, che sulla piazza strillano le parole di libertà , di repubblica, di socialismo, di futura società, e poi il giorno dopo le fucilate sono scovati nel cesso della loro redazione, viva  mille volte la sacrosanta, la mistica “teppa” : l’esecutrice della “alte opere” di giustizia dello Spirito umano, come si dice in Francia del boia.
Si potrebbe benissimo mettere una simile frase in bocca a quella scimmia immaginaria: … l’ultima guerra ha distrutto tutti gli uomini ad eccezione di due aviatori nemici che finiscono con l’incontrarsi al di sopra di un’isola deserta  del Pacifico.  Naturalmente  si precipitano uno contro l’altro, e in quel momento, in cima a una pianta di cocco uno scimmione, un grande scimmione e la sua femmina stanno a guardare i due apparecchi inabissarsi in fiamme nel mare.  E lo scimmione mormora con voce pensierosa: “e adesso non resta di far altro che ricominciare" !
Caro lettore, ecco la mia fatica dietro di me, non so se ho soddisfatto il desiderio tuo, ti ho raccontato senza l’intenzione di convincerti, quanto ho scritto non dice che tu debba ripetere il mio percorso, qualche volta, però, ti ricorderai di esserti trovato accanto a me, senza accorgerti : ora le scoprirai.
Forse ti sarai accorto che quanto ho scritto non proviene da un laureato, ma da uno che ha dedicato la sua vita in quel che ha creduto, e che si è tenuto lontano dall’acerbità della polemica,  sia essa attiva come passiva.
Quanto scritto riguarda principi, direttive e soluzioni determinate dai problemi che ho affrontato di volta in volta, in un particolare momento .
Forse ti parrà che questo non valga nulla, forse presterai invece maggiore attenzione, chi può saperlo ?
Mai un così grande numero di incompetenti, di bruti, di leggeroni  e di spreconi è stato dichiarato ufficialmente idoneo a scegliere e mandare il tutto in rovina. Le teorie più distruttive dell’ordine elementare delle cose vengono diffuse ed acquistano credito.
Quando tutto si trova in stato di dubbio e di disfacimento il ritorno agli antichi principii fu consigliato dal Machiavelli, questo lo sanno in molti, ma pochi ricordano che un grande papa, Leone XIII lo indicò come rimedio ottimo: “ De societatibus enim dilabentibus illud rectissime praecipitur,  revocari ad origines suas,  cum restitui volunt,  oportere “ (…intorno alle comunità erano ospiti che prescrivevano più correttamente, ricordando le origini, quando vogliamo, dobbiamo essere ..).                                                                                                                                                                                                                                     “ .. Qui finirò, più per discrezione che per mancanza di materia .. “       ( Balzac )
Caro lettore incognito, irraggiungibile, te lo dico per mostrarti che non sono di “parte“, come molti vorrebbero che fosse chiunque pensa.  Lo vogliono “impegnato”, ossia “semivenduto” : come è il “pegno” presso il Monte, il quale “pegno” se non riscattato viene messo all’asta, quindi l’impegnato è un oggetto che non sa dove andrà a finire.  Non è più un essere con la libertà di scelta: ha perso l’indipendenza.
Con questo, caro lettore, ti lascio: pensaci sopra, chi ti ha comunicato è un uomo che non ha molto più da aspettarsi dal tempo, ha perso parte della vita a pensare: è nato mancino, è un iperattivo ed è  un capricorno !
Il gallo del mio orto in questo momento canta, può essere un buon augurio, annuncia a tutte le ore del giorno l’alba.
 
Novembre 20, 2015   -     Roberto -  i1BAW