Domenica 15 Dicembre 2019
itenfrdeptrues
Quando un evento tragico stronca la vita di persone che stanno svolgendo il  proprio dovere, lo viviamo a distanza attraverso i notiziari televisivi e ci lascia tristi ma con un certo distacco emotivo.
Quanto successo purtroppo in casa "nostra", invece ci coinvolge maggiormente;chiunque siano gli uomini che hanno perso la vita meritano un attimo di raccoglimento ed un pensiero alle loro famiglie.
Maurizio Potenza I1YUM si era iscritto alla sezione ARI di Genova nel 1979, rimanendoci fino al 2005.
A tutti i familiari di quanti perdono la vita sul posto di lavoro,  va il nostro pensiero di cordoglio.
per il C.D. ARI GENOVA
Carlo - ik1qhu
 
 

GENOVA – Morto per un cambio turno. E’ la storia di Maurizio Potenza, una delle sette vittime del tragico incidente della Jolly Nero al porto di Genova. E il “miracolato” è Bruno Prinz, telefonista della Torre Piloti di Genova che ha acconsentito alla richiesta del suo collega di lavoro di cambiare il turno sulla torre. “Se non me l’avesse chiesto, probabilmente io oggi non sarei qui” dice al Molo Giano, visibilmente scioccato per quanto avvenuto.

”Il mio collega Maurizio Potenza solo l’altra sera mi aveva chiesto: ‘Ho bisogno di un cambio: domani posso lavorare al posto tuo?’. Ovviamente ho acconsentito, è prassi normale tra noi colleghi, quando si può. Anche se Potenza era uno di quelli che, in genere, non chiedeva mai cambi”. Così Bruno Prinz e’ rimasto a casa, a Genova, e intorno alle 23 di martedì 7 maggio ha appreso che qualcosa di gravissimo era successo là dove ogni giorno lui va a lavorare.